Block Notes Genitori
ATTENZIONE!!! DA LEGGERE PRIMA DI EFFETTUARE LA REGISTRAZIONE!

Benvenuto/a sul forum "Block Notes Genitori".

Se sei intenzionato ad inscriverti al forum, Ti invitiamo, una volta effettuata l'iscrizione, a presentarsi nel forum CONOSCIAMOCI e nella sezione "Presentati", parlandoci un pò di te, tanto per rompere il ghiaccio.

L'accesso ad alcuni forum al momento dell'iscrizione, è bloccato, questo perchè molti utenti si iscrivono solo per leggere o per gioco, pertanto se mostrerai un sincero interesse a frequentare il forum, alcune sezioni (ad eccezione delle sezioni protette dove dovrai chiedere l'attivazione allo staff), saranno accessibili solo dopo aver scritto almeno 5 post.

Se invece, passati 7 giorni dal momento della tua iscrizione, ancora non ti sarai collegato al forum, la tua iscrizione verrà cancellata.

Ti aspettiamo!

Il talento e la felicità

Andare in basso

Il talento e la felicità Empty Il talento e la felicità

Messaggio Da Betty Boop il Mer 9 Gen 2008 - 14:19

Che ne pensate di questo:
"Ciascuno trova la felicità quando trova il suo talento"?
E' di James Hillman
Il talento e la felicità 671

Ninfa ha scritto:
se diamo a talento il significato di realizzazione sono d'accordo. talento può essere anche il desiderio di essere "semplicemente" donna, moglie e madre o uomo, marito, padre, ad esempio.
Talento può essere sentirsi realizzati nel proprio lavoro.
Sono situazioni che sicuramente rendono felici.
io la interpreto così

Lula ha scritto:si talento se inteso come predisposizione, allora vuol dire che ha trovato la strada per la felicità ammesso che riesca a realizzarla

angelino ha scritto:io credo che il significato di questa frase sia più alto...

Io l'ho intesa così: quando e se (perchè non è detto che le circostanze mettano nelle condizoni di trovare la vera essenza di sè) si trova il proprio "talento", cioè si scopre cosa si è davvero (secondo il vecchio principio socratico del "conosci te stesso") e cosa si è in grado di fare in potenza e in atto (altro aspetto fondamentale), allora si raggiunge la felicità. Ma questa non intesa come generalmente si fa, la vedo intesa più come facevano gli epicurei e quindi la felicità come assenza del dolore. E anche questo, il dolore, è inteso come qualcosa di più generale. Non è il dolore fisico nè quello inteso come "dispiacere". E' il male di vivere che si intende per dolore. Questo aforisma lo sento molto congeniale. Mi è piaciuto e l'ho sentito mio appena l'ho letto. Anzi, lo aggiungo in firma quando ho un attimo di tempo. E' un fedele ritratto di me, credo.

angelino ha scritto:
ma...
così hai detto già tutto :(
e a noi cosa rimane da interpretare?

Un aforisma è per sua stessa natura aperto a mille interpretazioni.

angelino ha scritto:
La cosa che mi colpisce di più è che, a mio parere, in questo pensiero non c'è spazio per il dubbio: ciascuno ha il suo talento!
E se ci pensate bene non è cosa da poco...
E l'uso ripetitivo dei due indicativi, fate ben attenzione, non è casuale: in esso c'è la grande certezza che trovare il proprio talento, e di conseguenza essere felici, è alla portata di tutti. Che grande messaggio di speranza!

Non ci avevo pensato... L'indicativo è difatti il tempo della certezza. E qui suona come un "è solo questione di tempo". Che strano, è stato scritto più volte oggi.

Betty Boop
Nonna Belarda/Nonno Geppo
Nonna Belarda/Nonno Geppo

Femmina
Numero di messaggi : 1817
Località : nei pressi di Roma
Occupazione/Hobby : recitazione, lettura, scrittura
"Chi sei" in poche parole : amo il teatro e la buona conversazione
Data d'iscrizione : 08.01.08

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum