Block Notes Genitori
ATTENZIONE!!! DA LEGGERE PRIMA DI EFFETTUARE LA REGISTRAZIONE!

Benvenuto/a sul forum "Block Notes Genitori".

Se sei intenzionato ad inscriverti al forum, Ti invitiamo, una volta effettuata l'iscrizione, a presentarsi nel forum CONOSCIAMOCI e nella sezione "Presentati", parlandoci un pò di te, tanto per rompere il ghiaccio.

L'accesso ad alcuni forum al momento dell'iscrizione, è bloccato, questo perchè molti utenti si iscrivono solo per leggere o per gioco, pertanto se mostrerai un sincero interesse a frequentare il forum, alcune sezioni (ad eccezione delle sezioni protette dove dovrai chiedere l'attivazione allo staff), saranno accessibili solo dopo aver scritto almeno 5 post.

Se invece, passati 7 giorni dal momento della tua iscrizione, ancora non ti sarai collegato al forum, la tua iscrizione verrà cancellata.

Ti aspettiamo!

Mata Hari

Andare in basso

Mata Hari Empty Mata Hari

Messaggio Da Betty Boop il Ven 11 Gen 2008 - 17:57

Ieri speciale di Superquark su questa donna piena di contraddizioni, di grande e indiscusso fascino, abile conquistatrice di uomini, accusata di spionaggio a favore dei tedeschi durante la Grande Guerra e poi fucilata perchè condannata per alto tradimento.
Eccovi alcune sue immagini...


Mata Hari Images7fh6 Mata Hari Images8td6 Mata Hari Images10jz2 Mata Hari Images12pz4 Mata Hari Images18xw8


E questo è il film più noto su Mata Hari, che fu interpretata da Greta Garbo...

Mata Hari Images13uv5

Lula ha scritto:
Da quello che ha sentito mia mamma nella parte finale del programma doveva essere anche una donna molto dignitosa.
Pare che lei appunto abbia preso soldi dai tedeschi per lo spionaggio ma che in realtà non abbia mai tradito la sua patria.
Avrebbe potuto essere scagionata dal suo amante, ma durante il processo venne a sapere che lui stava per sposarsi, e quindi non volle chiedergli nessun aiuto. Morì dignitosamente, a quanto pare rifiutando la benda sugli occhi e mandando un bacio al plotone di esecuzione prima di morire. La colpirono solo 3 proiettili, quindi non tutti mirarono su Mata Hari.
Nessuno reclamò il suo corpo.

Sì, la parte finale è stata "forte", perchè per altro supportata da questo film che veniva commentato.
Margaretha (questo il suo vero nome) seppe che il suo grande amore, un soldato russo molto più giovane di lei, l'unico per il quale avesse perso la testa, l'abbandonava sposando un'altra e non volle quindi avvalersi della sua testimonianza al processo, l'unica che potesse scagionarla.
Pensa per un attimo all'orgoglio ferito di questa donna... Sembrava un romanzo ma era realtà.
Chiese la grazia prima dell'esecuzione ma non le fu concessa. E nonostante la sua determinazione, il film mostrava la disperazione dell'istante in cui seppe che di lì a poco sarebbe stata uccisa.
Non credo fosse innocente, malgrado si dichiarasse tale fino alla fine. Quello che è certo è che divenne una figura quasi leggendaria e fu una donna che lasciò il segno...


Lula ha scritto:
orgoglio ferito ma anche un grosso amor proprio...dignità, orgoglio personale....accidenti, da ammirare


Mi ha fatto ripensare ad Anna Karenina e a Madame Bovary, quando vengono abbandonate dai loro grandi amori.
Entrambe scelgono il suicidio, Margaretha va incontro alla fucilazione...
E' l'estremo sacrificio per amore... incredibile.


Lula ha scritto:
sarà anche una prova d'amore ma...ne sarà valsa davvero la pena?


No, non "prova" ma "sacrificio", che è ben altro.
Sacrificano la loro vita perchè hanno la sensazione che non ci sia più niente per cui valga la pena di vivere...
Nel caso delle eroine da romanzo, ciò viene giustificato dall'ideologia dell'epoca in cui vivono, quella del Romanticismo, in cui il sacrificio estremo non solo è logico ma anche auspicabile. Nel Romanticismo le passioni vengono vissute al massimo e il suicidio è quasi il naturale epilogo di una vita "consumata" dall'amore e che di questo non ha più speranze.
Nel caso di Mata Hari, beh... personalmente, per quanto ferita, avrei teso a vivere e non a morire, quindi avrei permesso che il soldato testimoniasse a mio favore. Ma forse Margaretha era talmente "consumata" dentro, da non voler più giocare alcuna carta. E la morte, in tal caso, è concepita come "liberazione" dal vincolo del dolore...


Lula ha scritto:
bè sacrificio inteso come dimostrazione..io la vedo così, altrimenti perchè mi sacrifico? per me stessa? è comunque una dimostrazione agli altri di un atto fatto per uno scopo ben preciso.
Nel caso di Mata Hari certo se dovessi scegliere tra la vita e la morte sceglierei la vita ma....forse per lei era troppo dover chiedere aiuto alla persona dalla quale è stata tradita..lei una donna così passionale, così amata, così desiderata. Anche io in un certo senso, non chiederei mai aiuto a chi mi ha ferita, però certo la morte no..la vita è troppo bella.
Forse per lei non lo era più.


Scusa se insisto, Lauretta, ma non c'è segno di "prova" o "dimostrazione" nell'atto estremo fatto da Mata Hari. Come non c'è nel caso del suicida. Che deve dimostrare il suicida?
Sacrificio è inteso come "sacrificio" di se stessa, cioè del rinunciare, del privarsi della vita, dell'offrirsi spontaneamente alla morte.
Perchè non resta più nulla per cui sperare.


Lula ha scritto:
No infatti non intendevo per Mata Hari. Quella è stata una scelta dettata dall'orgoglio.
Io il suicidio non lo vedo come un atto di forza, ma un atto di debolezza.
Sacrificio per se stessa tu dici ok: ma per quale motivazione? cosa ti spinge al suicidio? rinunci alla vita per qualocosa. Per amore.


Esatto, per amore. Senza dimostrare nulla a nessuno.

Lula ha scritto:
betty boop ha scritto:Esatto, per amore. Senza dimostrare nulla a nessuno.

scusa se insisto..appunto per amore..ma amore verso qualcuno! se io mi suicido perchè un tizio non ne vuole più sapere di me..cavolo io mi ammazzo per dimostrargli quanto lo amo, altrimenti lo faccio per la gloria?


Mah... il suicidio è l'atto estremo per eccellenza. Non è un dispetto, non può essere una prova... Secondo me il potenziale suicida ha chiuso i ponti con tutto e tutti, è disperato, non trova appigli nè speranze.
Prendi le eroine dei romanzi, chi di loro fa il gesto estremo per dimostrare a qualcuno qualcosa? Non per gloria, come giustamente tu dici, ma solo per porre fine a tutto. La causa è l'amore, la morte una conseguenza.

Mi viene in mente un confronto assai interessante fra i due termini antitetici eros - tanathos, amore e morte, teorizzato da greci...

Sarebbe interessante discuterne... avendoci "qualcuno"...


Lula ha scritto:
ti dirò di più, sempre secondo me. Il suicidio mosso dall'amore è anche un modo per colpevolizzare l'altro. Tu non mi ami? io mi uccido, così avrai per tutta la vita sulla coscienza la mia vita che non c'è più.


Anche questo è accettabile come discorso...

Quindi chiamiamola "rivalsa" o "vendetta", non dimostrazione...

Betty Boop
Nonna Belarda/Nonno Geppo
Nonna Belarda/Nonno Geppo

Femmina
Numero di messaggi : 1817
Località : nei pressi di Roma
Occupazione/Hobby : recitazione, lettura, scrittura
"Chi sei" in poche parole : amo il teatro e la buona conversazione
Data d'iscrizione : 08.01.08

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum